Tel: 0382 1902256 - Fax: 0382 309898 info@phytosfera.it - Pec: info@pec.phytosfera.it

Nuova classificazione sismica in Regione Lombardia funzionale anche al riordino delle disposizioni regionali alla vigilanza delle costruzioni in zona sismica. Aggiornamento delle zone sismiche in Regione Lombardia (l.r. 1/2000, art. 3, c. 108, lett. d)

Regione Lombardia ha emanato una nuova classificazione dei Comuni con le rispettive accelerazioni massime e la mappa aggiornata delle zone sismiche, con D.g.r. 11 luglio 2014 n. X/2129 – Aggiornamento delle zone sismiche in Regione Lombardia (l.r. 1/2000, art. 3, c. 108, lett. d).
L’obiettivo di Regione Lombardia mira a mantenere alta l’attenzione e la prevenzione sul tema del rischio sismico. La nuova classificazione deriva da un anno di studio del gruppo di lavoro regionale che ha svolto un’attenta verifica delle caratteristiche del suolo e del sottosuolo lombardo oltre che un’analisi approfondita degli ultimi terremoti, a partire da quello emiliano del 2012.
In base a tale documento, che entrerà in vigore il 14 ottobre 2014, i Comuni, qualora ricadenti nelle aree riclassificate dalla Zona 4 alla Zona 3 e dalla Zona 3 alla Zona 2, dovranno aggiornare la propria documentazione cartografica e normativa inerente la Pianificazione Comunale alla nuova classificazione sismica, nonché le procedure di controllo e gestione delle attività urbanistico-edilizie finalizzate alla prevenzione del rischio sismico.
DIFFERIMENTO DEL TERMINE DI ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA CLASSIFICAZIONE SISMICA IN REGIONE LOMBARDIA
Con D.g.r. 10 ottobre 2014 – n. X/2489 – Differimento del termine di entrata in vigore della nuova classificazione sismica del territorio approvata con D.g.r. 21 luglio 2014, n. 2129 “Aggiornamento delle zone sismiche in Regione Lombardia (l.r. 1/2000, art. 3, comma 108, lett. d)”, la Giunta Regionale ha provveduto al differimento del termine per l’entrata in vigore della nuova classificazione sismica dei Comuni lombardi, di cui alla D.G.R. 11 luglio 2014, n.2129.
In base a tale delibera, infatti, la nuova zonazione sismica entrerà in vigore il 14 ottobre 2015.
Tale proroga permetterà di allineare la nuova zonazione con le nuove disposizioni regionali inerenti le procedure di controllo e gestione delle attività urbanistico-edilizie finalizzate alla prevenzione del rischio sismico, in corso di definizione.
Nelle more dell’entrata in vigore della nuova classificazione sismica, nei Comuni che saranno riclassificati dalla Zona 4 alla Zona 3 e dalla Zona 3 alla Zona 2, tutti i progetti delle strutture riguardanti nuove costruzioni – pubbliche e private – dovranno essere redatti in linea con le norme tecniche vigenti, rispettivamente, nelle Zone 3 e 2.

Alla luce di tali disposizioni, tuttavia, malgrado il differimento del termine di entrata in vigore della nuova classificazione sismica in Regione Lombardia all’ottobre del prossimo anno, lo Studio Associato Phytosfera si rende disponibile ad affiancare le amministrazioni comunali per valutare se il proprio comune ricade tra quelli riclassificati e, nel caso, definire necessità e operatività per l’aggiornamento/redazione dei Piani di Emergenza Comunali, Studi Geologici Comunali e/o aggiornamento delle cartografie inerenti la documentazione di pianificazione urbanistica comunale.